Logo del Parco
Condividi
Home » Visita » News e comunicati

Tre giornate per tre progetti LIFE

( 26 Ottobre 2022 )

A inizio ottobre, Loro Ciuffenna, un piccolo paese in provincia di Arezzo, ha ospitato i rappresentanti di tre progetti Life, accomunati dall’obiettivo di conservazione degli habitat di prateria: LifeDrylands, LIFE Granatha e LIFE Shepforbio.

Il Life Drylands proposto dal Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Ambiente dell’Università di Pavia e cofinanziato dalla Fondazione Cariplo, coinvolge direttamente l’Ente di gestione delle Aree protette del Po piemontese, oltre all’Università di Pavia, l’Ente di Gestione delle Aree protette del Ticino e del Lago Maggiore, il Parco Lombardo della Valle del Ticino, la Rete degli Orti Botanici della Lombardia e il Dipartimento di Scienze Biologiche Geologiche e Ambientali dell’Università di Bologna. Il programma propone la riqualificazione o ricostituzione ex novo di alcuni habitat aridi in zone con grande potenziale vegetale ma molto degradate. Il rischio è che in questi spazi aperti prenda piede una vegetazione di scarso valore dominata da specie alloctone invasive.

L'approfondimento e la sperimentazione di tecniche di ripristino degli habitat di brughiera e prateria accomunano il nostro programma con il Life Granatha che propone una serie di azioni di conservazione che, attraverso il recupero della funzionalità ecologica degli ambienti, ne arrestino il degrado. Questo è reso possibile con la creazione di una filiera locale che, utilizzando l’Erica scoparia per la produzione di scope e altre utensili, consente una gestione continua e duratura di questa specie vegetale.

Il capofila del progetto Life Granatha è la società cooperativa D.R.E.Am Italia, con l’Unione dei Comuni del Pratomagno (UCPRATO), la cooperativa Betadue ONLUS e il Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari Università di Torino (DISAFA).

Anche il LIFE ShepForBio che interessa direttamente l’area del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna e il massiccio del Pratomagno, ha come obiettivo il miglioramento dello stato di conservazione degli habitat di prateria attraverso lo sviluppo di attività pastorali che ne garantiscano una gestione sostenibile e duratura.

Anche in questo terzo caso studio è imprescindibile il ruolo degli attori locali: in questo caso gli allevatori e i pastori, veri custodi della biodiversità. La ripresa dell’attività agro-pastorale consentirà la conservazione di habitat semi naturali, il cui stato di conservazione in questi ultimi anni è stato fortemente minato dallo spopolamento e dall’abbandono del territorio.

Il partenariato del progetto è costituito da Dream Italia (coordinatore), dal Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, dalla Regione Toscana, dall’Unioni dei Comuni della Romagna Forlivese, Casentino, Pratomagno e Valdarno Valdisieve, dall’Università di Firenze e di Roma – La Sapienza, da Studio Verde e Euromontana.

L’azione che accomuna i tre progetti si fonda su attività di restauro delle praterie aride finalizzato a garantire il mantenimento dell’equilibrio dell’habitat.

In queste tiepide giornate di ottobre le rappresentanze dei tre progetti hanno avuto occasione di confrontare le proprie esperienze oltre che testare la tecnica della semina con il fiorume, un miscuglio di semi e altri residui vegetali raccolti in loco, per il ripristino delle praterie di crinale del Pratomagno.

La parola d’ordine è networking, indispensabile per una buona riuscita progettuale proprio perché in occasioni come questa di Loro Ciuffenna si creano opportunità di scambio importanti sia a livello di conoscenza che a livello umano. I tecnici hanno “vissuto” il posto, hanno assaggiato i piatti locali vivendo sulla propria pelle un’importante esperienza di scambio di saperi e buone pratiche.

.
.
 
.
.
 
.
.
 
piemonteparchiiNaturalistParchi da vivereProgetti PSR
Vuoi inviare una segnalazione di inaccessibilità di questo sito web?Invia segnalazione
Logo del Parco
© 2023 - Ente di gestione delle Aree Protette del Po piemontese
Via Alessandria, 2 - 10090 Castagneto Po (TO)
E-mail: parcopopiemontese@pec.it - Posta certificata: parcopopiemontese@pec.it
Cod. fisc. 95000120063
PagoPA