Logo del Parco
Condividi
Home » Visita » Prodotti tipici » Prodotti tipici / Ricette

Patate di San Raffaele Cimena

Definizione
La patata appartiene alla famiglia delle Solanaceae e alla specie Solanum tuberosum L. L'aspetto della parte aerea della pianta è quello di un cespo ad uno o più fusti di altezza variabile, ingrossati ai nodi e di colore verde, talora con sfumatura violacea. Le parti verdi della pianta contengono un alcaloide velenoso, la solanina, che compare anche nei tuberi a seguito di una lunga esposizione alla luce. Indice di maturità dei tuberi è il graduale ingiallimento della parte aerea e la buona aderenza della buccia alla polpa.
La raccolta può essere anticipata o per motivi di mercato (patata primaticcia) o per evitare attacchi tardivi di malattie da virus nel caso di produzione di patate da seme.
Poiché la coltura della patata ha buone capacità di adattamento alle diverse condizioni pedoclimatiche, risulta presente in tutte le fasce altimetriche.
Le cultivar maggiormente diffuse nella Piana di San Raffaele Cimena sono la "Primura", la "Spunta", la "Desirée", la "Penelope" e la "Kennebec" e, in misura minore, la "Monnalisa", e la "Draga".
Di recente, è stata introdotta l' "Agata" che ha fornito risultati non sempre soddisfacenti. Le caratteristiche delle principali varietà sono:
- Primura: cultivar precoce, a forma ovale, a buccia gialla e pasta giallo-chiara, di piccola-media pezzatura e media produttività;
- Spunta: cultivar precoce a forma lunga-ovale, buccia gialla e pasta giallo-chiara, di buona pezzatura e produttività;
- Kennebec: cultivar semitardiva, a forma tondo-ovale, buccia gialla e pasta bianca, di buona pezzatura e produttività;
- Penelope: a pasta giallo-chiara;
- Desirée: a buccia rossa e pasta gialla;
- Agata: cultivar a forma tondo-ovale, buccia e pasta gialla, di media pezzatura e buona produttività.
La coltivazione avviene in pieno campo con semente allevata e con l'ausilio di apposite trapiantatrici meccaniche così come, generalmente, è meccanizzata la raccolta.

  • Zona di produzione: La zona di produzione si concentra nella fertile pianura di San Raffaele Cimena, denominata "La Piana".

  • La storia: Nella ultra millenaria storia di San Raffaele Cimena, l'agricoltura ha sempre rivestito un'importanza fondamentale come testimonia la Relazione del Sicco, datata 1753 la quale dice testualmente "(…) Li terrazzani accudiscono ai travagli dell'agricoltura ad esclusione di tre in quattro che sono soliti negoziare nella compra-vendita di vini". All'epoca, vennero censite 395 giornate di vigna, 280 di campi e 250 di prati. Si evince, pertanto, che la coltivazione più diffusa era quella della vite, favorita dall'ottima esposizione collinare, che forniva vini di pregevoli qualità e, quindi, fonte di reddito non indifferente per gli agricoltori dell'epoca.
    Tale situazione è perdurata fino all'inizio del ‘900, quando, le popolazioni agricole hanno abbandonato le colline per scendere a valle nella fertile pianura prospiciente il fiume Po, ricca di acque che ben si prestava alla coltivazione di cereali e di ortofrutticoli.
    Negli anni '60, un nutrito gruppo di giovani agricoltori particolarmente intraprendenti e capaci, coadiuvati da un giovane e valente tecnico, Giuseppe Fassino, diede vita a uno dei primi "Club 3 P" (Provare, Produrre, Progredire) del Piemonte istituendo dei corsi di formazione professionale, prove in campo e viaggi di studio in tutta Italia con visite ad aziende all'avanguardia nel settore ortofrutticolo e ad altri istituti di ricerca, instaurando con essi ottimi rapporti di collaborazione.
    Tutto ciò permise l'introduzione di nuove tecniche di coltivazione, allora sconosciute in Piemonte, come l'introduzione di piante selezionate. Contemporaneamente, i giovani orticoltori dell'epoca si associarono per contenere i costi nell'acquisto delle prime macchine trapiantatrici. Ancora oggi, sono disponibili per i soci una trapiantatrice di ortaggi e una di patate. Grazie a questi pionieri, l'agricoltura locale fece un decisivo salto di qualità e le nuove metodiche di coltivazione fecero si che i prodotti locali divennero le primizie dei mercati generali di Torino e del mercato di Chivasso.
    Negli anni '70, in occasione della Festa Patronale, si istituì una Mostra Mercato dei prodotti ortofrutticoli locali.

  • Tutela legislativa: Le varietà di patata coltivate a San Raffaele Cimena sono classificate come "Prodotto agroalimentare tradizionale del Piemonte", ai sensi dell'art. 8 del D.lgs. 30 aprile 1998, n. 173, del Decreto Ministeriale n. 350 dell'8 settembre 1999 e dell'Allegato alla Deliberazione della Giunta Regionale del Piemonte del 16 aprile 2013, n. 51-5680."

 
piemonteparchiParchi da vivere
Vuoi inviare una segnalazione di inaccessibilità di questo sito web?Invia segnalazione
Logo del Parco
© 2022 - Ente di gestione delle Aree Protette del Po piemontese
Piazza Giovanni XXIII, 6 - 15048 Valenza (AL)
Tel. 011/4321011
E-mail: parcopopiemontese@pec.it - Posta certificata: parcopopiemontese@pec.it
Cod. fisc. 95000120063
PagoPA