Logo del Parco
Condividi
Home » Ente » Ricerche e progetti » Sezione fauna

Uccelli

L'avifauna presente sul Po, e questo è il caso del Parco naturale del Po piemontese e degli annessi siti tutelati a livello europeo della Rete Natura 2000, è particolarmente ricca in quanto il fiume ha sempre rappresentato un punto preferenziale per la nutrizione, la nidificazione e lo svernamento di molti uccelli che vi trovano un ambiente riparato da forti escursioni termiche e ricco di fauna ittica.

Fra le anatre di superficie svernanti sono regolarmente censite le alzavole (Anas crecca), i codoni (Anas acuta), i fischioni (Anas penelope), le canapiglie (Anas strepera), tra i canneti nidificano specie come il tuffetto (Podiceps ruficollis), lo svasso maggiore (Podiceps cristatus), il germano reale (Anas platyrhynchos) e la gallinella d'acqua (Gallinula chloropus).

In alcuni punti si trovano le garzaie, come quella del Meisino a Torino, un esempio di nidificazione in ambito urbano. L'ambiente del fiume è infatti un luogo ideale per la nutrizione e la riproduzione di specie di Ardeidi come l'airone cenerino (Ardea cinerea), la nitticora (Nycticorax nycticorax), la garzetta (Egretta garzetta) e l'airone bianco maggiore (Egretta alba).

Le lanche ospitano un'avifauna estremamente interessante che comprende specie poco comuni nel Piemonte occidentale come lo svasso piccolo (Podiceps nigricollis), il tarabuso (Botarus stellaris), l'airone rosso (Ardea purpurea), il cavaliere d'Italia (Himantopus himantopus), il pendolino (Remiz pendulinus), la pittima reale (Limosa limosa). Tra i nidificanti si segnalano la marzaiola (Anas querquedula), il tuffetto (Tachybaptus ruficollis), il porciglione (Rallus aquaticus), la folaga (Fulica atra), l'usignolo di fiume (Cettia cetti). Anche gli sterramenti artificiali sono degni di nota e ospitano colonie di uccelli insettivori scavatori come i gruccioni (Merops apiaster) e i topini (Riparia riparia). Ai margini delle lanche, nelle zone più riparate del fiume, si trovano invece anche i dormitori dei cormorani (Phalacrocorax carbo).

Nei pioppeti vicini al Po nidifica il falco lodolaio (Falco subbuteo) e il gufo comune (Asio otus) che occupano i vecchi nidi delle numerosissime cornacchie grigie (Corvus corone cornix). Si segnala anche la presenza di picidi tra cui il picchio rosso minore (Dendrocops minor) e il picchio verde (Picus viridis) e di uccelli legati agli ecosistemi forestali come il falco pecchiaiolo (Pernis apivorus), l'allocco (Strix aluco), il colombaccio (Columba palumbus), il rigogolo (Oriolus oriolus) e la ghiandaia (Garrulus glandarius).

Gli ampi greti sono frequentati in primavera ed estate dai fraticelli (Sterna albifrons), dalla sterna comune (Sterna hirundo) e dai corrieri piccoli (Charadrius dubius). L'ambiente ripariale in presenza di rive non arginate con ampi ghiaioni ospita specie quali il martin pescatore (Alcedo atthis), il piro piro piccolo (Actitis hypoleucos) e le ballerine (Motacilla cinerea e Motacilla alba).
Tra gli abitatori degli spazi aperti dei greti si trovano il saltimpalo (Saxicola torquata), l'ortolano (Emberiza hortulana), la tortora (Streptopelia turtur). Le boscaglie di salici e sambuchi sono abitate da usignoli (Luscinia megarynchos), capinere (Sylvia atricapilla) e scriccioli (Troglodytes troglodytes) a cui si aggiungono in piena estate cannaiole verdognole (Acrocephalus palustris) e canapini (Hippolais polyglotta).

Nei boschi collinari, e quindi anche nella riserva naturale del bosco del Vaj e nel Parco naturale della collina di Superga, si possono osservare uccelli che sfrecciano tra le chiome degli alberi come lo sparviere (Accipiter nisus) e l'astore (Accipiter genitilis), e altri che volteggiano alti nel cielo sfruttando le correnti ascensionali, come il nibbio bruno (Milvus migrans), solo nella bella stagione perché è un migratore, e la poiana (Buteo buteo). Tra i rapaci notturni sono piuttosto diffusi l'allocco (Strix aluco), la civetta (Athene noctua) e un piccolo migratore: l'assiolo (Otus scops). Si segnalano anche l'upupa (Upupa epops), il succiacapre (Caprimulgus europaeus), la beccaccia (Scolopax rusticola) e le varie specie di picchio, tra cui il picchio muratore (Sitta europaea).

Approfondimenti:
GPSO
EBN ITALIA

Nitticora sul Po a Chivasso
Nitticora sul Po a Chivasso
(foto di: Simona Zaghi)
Garzetta
Garzetta
(foto di: Fabrizio Nobili)
Martin pescatore
Martin pescatore
(foto di: Fabrizio Aimo)
Germano reale
Germano reale
(foto di: Andrea Miola)
piemonteparchi
Logo del Parco
© 2021 - Ente di gestione delle Aree Protette del Po piemontese
Piazza Giovanni XXIII, 6 - 15048 Valenza (AL)
Tel. 011/4321011
E-mail: parcopopiemontese@pec.it - Posta certificata: parcopopiemontese@pec.it
Cod. fisc. 95000120063
PagoPA